giovedì 18 giugno 2015

Trattamento dei dati personali e Cookie Policy su REFLEXION (vieffe.blogspot.it)

Trattamento dei dati personali e Cookie Policy su REFLEXION (vieffe.blogspot.it)


Il Garante della Privacy ha recepito una direttiva europea che impone agli amministratori delle pagine web di mostrare ai visitatori un banner che li informa di quale sia lo politica dei cookie del sito che stanno consultando e di subordinare la sua accettazione al proseguimento della navigazione.

In questa pagina sono descritte le modalità con cui le informazioni personali vengono ricevute e raccolte e come sono utilizzate da REFLEXION (vieffe.blogspot.it) .

Raccolta di informazioni personali

REFLEXION (vieffe.blogspot.it)  è un sito ospitato dalla piattaforma Blogger.com di proprietà di Google.
La privacy degli utenti su internet è di fondamentale importanza per REFLEXION (vieffe.blogspot.it) .

Cosa sono i cookie?
Per funzionare bene questo sito può installare sul PC degli Utenti dei piccoli file di dati chiamati Cookies, come fa la maggior parte dei grandi siti. Un cookie è un piccolo file di testo che i siti salvano sul tuo computer o dispositivo mobile mentre li visiti. Grazie ai cookies il sito ricorda le tue azioni e preferenze (per es. login, lingua, dimensioni dei caratteri e altre impostazioni di visualizzazione) in modo che tu non debba reinserirle quando torni sul sito o navighi da una pagina all’altra. I cookie possono rimanere sul computer o sul dispositivo mobile per periodi di tempo diversi. Alcuni cookie sono 'cookie di sessione', il che significa che esistono solo quando il browser Web è aperto e vengono eliminati automaticamente quando si chiude il browser. Altri cookie sono 'cookie permanenti', il che significa che sopravvivono dopo la chiusura del browser e possono essere utilizzati dai siti Web per riconoscere il computer quando poi si riapre il browser e si naviga nuovamente in Internet. I Cookies possono comunque essere disabilitati singolarmente o adottando un metodo generale per tutti.

Cookies tecnici e cookies di profilazione:
1) I cookie tecnici rendono possibile la navigazione e non vengono utilizzati per altre finalità. Sono normalmente installati direttamente dal sito web. Sono i cookie di autenticazione e sessione senza i quali non sarebbe possibile, o risulterebbe molto più complesso, utilizzare le funzionalità del sito internet.

2) I cookie di profilazione sono utilizzati per monitorare e profilare l’utente e le sue abitudine, la loro finalità è commerciale, ad esempio indirizzare una comunicazione pubblicitaria rispondente agli interessi dell’utente, o fornire a terze parti informazioni sulle sue preferenze.
- Cookie di profilazione di prime parti: sono i cookies inviati al tuo browser direttamente dal sito che stai visitando
- Cookie di profilazione di terze parti: sono i cookies inviati al tuo browser da altri siti e non dal sito che stai visitando.


Cookie di questo sito

File di log: Come molti altri siti web anche questo fa uso di file di log registra cioè la cronologia delle operazioni man mano che vengono eseguite. Le informazioni contenute all'interno dei file di registro includono indirizzi IP, tipo di browser, Internet Service Provider (ISP), data, ora, pagina di ingresso e uscita e il numero di clic. Tutto questo per analizzare le tendenze, amministrare il sito, monitorare il movimento dell'utente dentro il sito e raccogliere dati demografici, indirizzi IP e altre informazioni. Tale dati non sono riconducibili in alcun modo all'identità dell'utente.


Cookie di terze parti utilizzati su questo sito

Su questo sito vengono utilizzate delle pubblicità che potrebbero non essere utilizzate tutte nello stesso momento. Quindi per conoscere i cookie ed i dati che utilizzano e conoscerne i modi di possibili per cancellare i cookie acquisti dovrete leggere la loro privacy/policy.

Publy è un servizio di advertising fornito da Publy LTD
Dati personali raccolti: Cookie, Dati di utilizzo
Luogo del trattamento: Irlanda – Privacy Policy e Cookie Policy

Amazon Affiliation è un servizio di affiliazione commerciale fornito da Amazon.com Inc.
Dati personali raccolti: Cookie e Dati di utilizzo.
Luogo del trattamento : USA – Privacy Policy

Cookie DoubleClick DARTtale cookie è stato introdotto da Google cinque anni fa e serve per pubblicare annunci su Scuolissima.com in modo da mostrare all'utente della pubblicità più mirata in base alla loro cronologia. Gli utenti possono accettare tale cookie oppure disattivarlo nel loro browser visitando la pagina Privacy e Termini. Ulteriori informazioni sulle tipologie e sull'uso che fa Google dei cookie con finalità pubblicitarie possono essere trovate nella pagina web dei Tipi di cookie utilizzati. Anche alcuni partner pubblicitari di Google Adsense possono usare cookie e Web Beacons per tracciare gli utenti, come nel caso di Publy.

Tuttavia il sito REFLEXION (vieffe.blogspot.it) e il suo amministratore non hanno alcun controllo sui cookie che vengono utilizzati da terze parti, quindi per approfondire il tema si consiglia di consultare le politiche della privacy di queste terze parti così come le opzioni per disattivare la raccolta di queste informazioni. L'amministratore di questo sito non può quindi controllare le attività degli inserzionisti di questo blog. È comunque possibile disabilitare i cookie direttamente dal proprio browser.

Altri servizi


Blogger: utilizza cookie per le statistiche secondo queste linee guida sulla privacy.

Google Analytics: Il sistema di statistiche utilizzato è Google Analytics che raccoglie informazioni sulla provenienza delle visite ed altri dettagli generici non riconducibili ad una persona specifica ma trattati in maniera generica. I cookie di tipo analytics vengono considerati tecnici solo nel caso in cui gli IP degli utenti risultano anonimi. Infatti su  REFLEXION (vieffe.blogspot.it) stiamo già utilizzando la stringa per rendere le statistiche anonime, tuttavia se lo ritenete necessario potete installare un plugin Google per autoescludervi dalla collezione di dati, per il browser utilizzato.
Questi parametri vengono archiviati nei server di Google che ne disciplina la Privacy secondo queste linee guida.

Indirizzi email: l'email utilizzata per commentare un post, per esprimere il proprio parere, richiedere aiuto o supporto su REFLEXION (vieffe.blogspot.it) non sarà condivisa con terze parti; solo nel caso in cui l'utente si iscrive di sua spontanea volontà alla newsletter di FeedBurner la sua email risulterà visibile  a REFLEXION (vieffe.blogspot.it); in questo caso l'indirizzo email verrà utilizzato solamente per inviare gli aggiornamenti dei nuovi post o inviare comunicazioni importanti e per nessuna altro motivo.
Anche nel caso del modulo di contatto o email privata di REFLEXION (vieffe.blogspot.it) non verrà utilizzata la vostra email per altri scopi se non per ricevere una risposta.

Contenuti Embeddati:
Cookie di terze parti utilizzati dai social network:
- Facebook: https://www.facebook.com/help/cookies/
- Twitter: https://twitter.com/privacy?lang=en
- Youtube: https://www.google.it/intl/it/policies/privacy/
- Google+: http://www.google.com/policies/technologies/types/

Modulo dei commenti: la piattaforma di Blogger permette di commentare solo ad utenti iscritti su siti di terzi, a seconda del quale state utilizzando vi invito a leggere le loro rispettive privacy policy:
AIM
LiveJournal
Typepad
Wordpress

A tale proposito se avete bisogno di ulteriori informazioni o se avete domande sulla politica della privacy di questo sito vi preghiamo di contattarci in privato via email.

Come cancellare i cookie o disattivarne l'utilizzo

Per informazioni più dettagliate in riferimento alle opzioni di disabilitazione dei cookie ecco l'elenco dei link per la configurazione dei browser:

- Ulteriori informazioni sulla disabilitazione dei cookie su Firefox
- Ulteriori informazioni sulla disabilitazione dei cookie su Chrome
- Ulteriori informazioni sulla disabilitazione dei cookie su Internet Explorer
- Ulteriori informazioni sulla disabilitazione dei cookie su Safari
- Ulteriori informazioni sulla disabilitazione dei cookie su Opera

Per i dispositivi mobili:
Android; – Safari; – Windows Phone; – Blackberry.

È possibile inoltre visitare il sito www.aboutcookies.org per informazioni su come poter gestire/eliminare i cookie in base al tipo di browser utilizzato. Per eliminare i cookie dal browser Internet del proprio smartphone/tablet, è necessario fare riferimento al manuale d’uso del dispositivo.

Si ricorda che una navigazione senza l'utilizzo di cookie tecnici e di profilazione è possibile mediante quella che viene definita navigazione in incognito e che è fattibile con tutti i principali browser.

Responsabilità

Inoltre REFLEXION (vieffe.blogspot.it) è un sito totalmente gratuito, non vi sono sezioni oscurate ai visitatori. REFLEXION (vieffe.blogspot.it) non è responsabile per eventuali problemi o danni arrecati dai siti o dai programmi segnalati sul sito e dall'uso improprio delle informazioni qui riportate.

Il Sito, non essendo aggiornato con cadenza periodica e regolare, non ha obbligo di essere registrato come prodotto editoriale secondo la legge 47 del 1948.

La seguente pagina dedicata alla Privacy/Policy potrebbe subire modifiche nel tempo e pertanto vi consigliamo di visitarla frequentemente dato che l'ultima modifica eseguita andrà a sostituire integralmente quella precedente. L'utilizzo del sito successivamente ad eventuali modifiche apportate alla presente Policy, implica l'accettazione di tali cambiamenti.

Siamo comunque disposti a cancellare eventuali contenuti che danneggiano terzi.

venerdì 3 ottobre 2014

Réflexion: VAJONT Mercoledì 9 ottobre 1963 ore 22,39 una tragedia annunciata

Réflexion: VAJONT Mercoledì 9 ottobre 1963 ore 22,39 una tragedia annunciata

Réflexion: Vajont, un muro d'acqua - per ricordare

Réflexion: Vajont, un muro d'acqua - per ricordare

Ricordando Anna Politkovskaja

Sei anni fa pubblicai su questo blog una pagina su Anna Politkovskaia intitolato "Per non dimenticare Anna Politkovskaia" e ricevetti questa poesia in omaggio alla giornalista russa.

A otto anni dal suo omicidio per opera di un Killer Rustam Machmudov , che sarà poi arrestato nel 2011,  non sono stati ancora scoperti i mandanti e la verità aspetta ancora di vedere la luce.
Ringrazio chi le ha dedicato questa bella poesia  perché con poche parole è riuscito a delineare l'anima della scrittrice giornalista, piccola eroina dei nostri tempi che ha avuto il coraggio di fare inchieste importanti, che amava il suo Paese e la democrazia, tanto da pagare con la morte questa sua impertinenza.
                                                                                                             vieffe




Omaggio ad Anna Politkovskaïa



Colomba


In un deserto avaro
di umanità,
lo sguardo
di una colomba
si è posato
dove i lupi, teste basse, non si stancano
di urlare.

In un deserto avvelenato,
avaro di verità,
una colomba, questa sera, è caduta.


Anick Roschi 7 ottobre 09

domenica 27 aprile 2014

ALTINO - La prima Venezia



Associazione carta di Altino

E’ stata inaugurata oggi 27 aprile e  sarà visitabile ad Altino fino al 4 maggio 2014 , la mostra "Altino - La prima Venezia".

Aggiungi didascalia

L'esposizione sarà aperta tutti i giorni 
dalle 9.30 alle 12.30 e dalle 15.30 alle 18.30.

Giovani archeologi, architetti, web designer, creativi, esperti di videoproduzione hanno collaborato per realizzare i materiali di una mostra di grande fascino.
Altino ha anticipato i fasti di Venezia di un migliaio di anni. Questa mostra ricostruisce gli ambienti e la realtà storica di una delle città portuali romane più importanti dell'Adriatico.
ALTINO, LA VENEZIA DELLE ORIGINI
Ai bordi della laguna, fra terra e acqua, la città di Altino ha anticipato Venezia di un migliaio di anni e poi le ha dato origine.
Le più recenti indagini e le più avanzate tecnologie hanno rivelato un gioiello nascosto nel sottosuolo del più grande sito archeologico del Veneto. L’anteprima è uno sguardo sull’ambiente fra Sile e laguna nord, cerca le tracce di Altino fra le calli veneziane, propone una ricostruzione della parte monumentale antica.
PER VEDERE E IMMAGINARE
Un plastico realizzato con le tecnologie avanzate, partendo da una foto area ai raggi infrarossi,  permette al pubblico di intuire com'erano l’antica città, l’impianto urbano, le aree monumentali.
Il plastico ricostruisce la città e alcuni monumenti, quali l’Arena, il Foro, il Teatro, l’Odeon grazie all’ausilio di una stampante tridimensionale-

Una mostra che vuole essere un’anteprima, infatti sarà ripresentata anche a Mestre, con data da definire, è una di quelle occasioni imperdibili per riconoscere e ripercorrere un passato misterioso e sconosciuto delle nostre terre.

Un'occasione per chi non lo ha ancora fatto per visitare il Museo Archeologico di Altino, si possono ammirare importanti reperti venuti alla luce da quando sono iniziate le scoperte (fine ottocento).




       



         


Tabula Peutingeriana


Visitabile dal Museo Archeologica  un piccolo tratto dell'antica via Annia





                           alcuni reperti presenti al Museo Archeologico








ALTINUM -  LA RICERCA 
Composizione storica - plastica - artistica elaborata dall'Associazione Fenix II

Sempre a Quarto d'Altino nel patronato della chiesa d San Michele si può ammirare un lavoro di ricerca storiografica analogo, che  in concomitanza con l'attività della pro-loco e sagra è visitabile fino al 5 maggio  -info 3394171212
Si tratta di un plastico delle dimensione di 2 metri per 3, realizzato  dall'Associazione Fenix II,  che sempre partendo dalle immagini aeree ha realizzato una bellissima riproduzione di Altino antica.
Il lavoro che i volontari dell'Associazione hanno svolto con minuziosa ricerca del dettaglio è fatto con lo stile classico dei plastici fatti artiginalmente chegli da un effetto coreografico molto suggestivo.
Il risultato ottenuto non contrasta con quello dell'associazione carta di Altino,  in quanto lo sviluppo parte dalle stesse fonti storiche e topografiche, ma grazie ai colori e alle ampie dimensioni rende ancora più immaginabile e verosimile il paesaggio altinate di quasi 2000 anni fa, che ora purtroppo giace sotto un metro e mezzo di zolle di terreno fertile.

A delineare dal punto di vista artistico la mostra ci sono numerose opere artistiche con tematiche inerenti alla storia di Altino.
La veduta suggestiva della città antica di Altino, in primo piano il tempio votivo, l'odeon, il Foro e il circo massimo, sullo sfondo l'arena

La veduta suggestiva della città antica di Altino, in primo piano il tempio votivo, l'odeon, il Foro e il circo massimo, sullo sfondo l'arena

in primo piano le sepolture vicino all'ansa del fiume Zero e lungo la via Annia


domenica 20 ottobre 2013

INNO ALLA VITA - Recital - Serata di voci e musica all'insegna della solidarietà







Una serata di voci e musica all'insegna della solidarietà, 



GIOVEDI' 24 OTTOBRE alle ore 20,45 AL Cinema Teatro

 Corso - Corso del Popolo, 30 Mestre. 






Dopo il successo di adesioni della prima edizione al Teatro 

Verdi di Padova, lo scorso 

Febbraio, ancora una volta l'infaticabile regista di eventi 

Anny Lazzari, assieme all'Associazione Veneziani nel 

mondo e all'Associazione Italiana contro le Leucemie 

Linfomi e Mieloma di Venezia e di Padova, 

 presenta INNO ALLA VITA seconda edizione, 

lo spettacolo di beneficenza a favore dell'Associazione

  Italiana contro le Leucemie Linfomi Mieloma.

 Il Recital con Alberto De Meis violinista, 

al pianoforte Roberto 

Rossetto il Coro Pueri Cantores del Veneto

diretto al pianoforte da Roberto Fioretto,

 Marco Chingari Baritono,

 testimonial Maurizio Fondriest

Flash moda atelier 'Daniela Sposa'

presenta Monica Milanesi.


Prenotazione biglietti e informazioni:
 Anny Lazzari 339 7909681 


 Associazione  Veneziani nel Mondo 041 2411908






domenica 6 ottobre 2013

VAJONT Mercoledì 9 ottobre 1963 ore 22,39 una tragedia annunciata


Mercoledì 9 ottobre 1963, alle ore 22,39, 300 milioni di metri cubi di roccia del Monte Toc si riversarono alla velocità di 90 km/h nel bacino artificiale della diga del Vajont.
Il lago artificiale conteneva 120 milioni di metri cubi di acqua e la frana, che era costituita da un volume di  massa rocciosa tre volte superiore alla quantità d'acqua, provocò un'onda d'acqua che scavalcò la barriera di cemento armato della diga per cento metri in altezza  riversandosi senza trovare ostacoli nella vallata distruggendo quasi completamente il paese di Longarone, cancellandolo anche

Come appariva Longarone prima del disastro

10 ottobre 1963, il giorno dopo la tragedia il paese era stato quasi completamente cancellato

parte dei piccoli villaggi che si trovavano confinanti. Nella parte a monte della diga l'onda ha spazzato via i villaggi che erano sulle sponde del bacino del comune di Erto e Casso.
L'ondata di acqua e fango ha cancellato i villaggi di Le Spesse, Pineda, Ceva, Frasègn, Il Cristo, San Martino, Marzana, Feè Fortogna e la parte bassa del paese di Erto.
Nella Valle del Piave saranno rasi al suolo scomparendo i paesi di Longarone, Pirago, Maè, Rivalta e Villanova. Il mare di fango ha anche danneggiato le abitazioni di Soverzene e Ponte nelle Alpi.
Il villaggio di Caorera del comune di Belluno fu distrutto dall'onda e furono allagate le abitazioni del quartiere di Borgo Piave a ridosso dell'omonimo fiume.
Rimasero uccise 1918 vittime (solo la metà furono riconosciute dai familiari), delle quali 1450 erano abitanti di Longarone, 158 di Erto e Casso, 109 di Codissago e Castelavazzano, 200 abitanti in altri Comuni.
La tragedia del Vajont venne citata nel corso della presentazione dei lavori dell'assemblea Generale delle Nazioni Unite a favore dell'anno internazionale della terra, nel 2008, come caso da manuale educativo quale "disastro evitabile", causato dalla insufficiente comprensione delle scienze della terra e come
" fallimento di ingegneri e geologi nel comprendere la natura del problema che stavano cercando di affrontare".

Come tutti sanno la diga, che in quegli anni e per lungo tempo ha detenuto il primato della diga più grande mai costruita, ha resistito all'impatto e allo scavalco e ora è ancora lì  testimoniare la superficialità,  l'assurda e colpevole spregiudicatezza di politici, tecnici, ingegneri e geologi che per meri scopi, a volte anche biechi personalismi, l'hanno  voluta e poi realizzata.
Per portare a termine il loro progetto, hanno di volta in volta, segretato, occultato studi pareri e relazioni contrarie, e pur sapendo il rischio che correvano le genti di quei paesi, hanno continuato dal 1926, quando la Sade (Società privata di proprietà di Giuseppe Volpi presentò al Ministero dei lavori pubblici la richiesta di costruzione) fino al giorno della tragedia, a portare avanti un progetto che non aveva i presupposti per essere un opera che garantiva la sicurezza della popolazione.

Poche e  inascoltate le voci che nel corso degli anni precedenti al disastro, si sono levate per denunciare i rischi che correvano le popolazioni.





Una di queste è stata quella di Tina Merlin, giornalista dell'Unità che con le sue inchieste aveva denunciato ripetutamente i pericoli legati alla costruzione della diga e per questo fu denunciata (1960) per 'diffusione di notizie false e tendenziose atte a turbare l'ordine pubblico' poi assolta dal tribunale di Milano nel 1974.
Tina Merlin la giornalista processata e assolta per gli articoli di denuncia  pubblicati sul quotidiano L'Unità